martedì 31 ottobre 2017

reading LA NOVELLA E LE POESIE DUE AUTRICI INTRECCIANO LE PROPRIE OPERE


Due autrici intrecciano le proprie opere. Venerdì 3 novembre 2017 alle ore 17, alla Vida, l’ex Teatro dell’Anatomia di Campo San Giacomo dell’Orio, a Venezia, è in programma il reading “LA NOVELLA E LE POESIE” nel corso del quale le scrittrici e poete Antonella Barina e Maristella Tagliaferro daranno lettura condivisa dei loro scritti.
Alla lettura continuata della novella “Ginevra e la Dominante” di Maristella Tagliaferro si intrecceranno le poesie di Antonella Barina, tratte dall’ultima raccolta “Venus Venezia – Repertorio Poetico Teatrale in Amore”.
Una novità nel panorama delle presentazioni di opere letterarie e poetiche: una prova aperta dove gli scritti delle due autrici – che come giornaliste hanno lavorato per anni fianco a fianco per due diverse agenzie nazionali di stampa – si intersecano accrescendo reciprocamente il proprio senso.
Maristella Tagliaferro, "Ginevra e la Dominante" - Amore proibito e condannato a morte: amore che vince. La novella di Maristella Tagliaferro narra la vicenda storica della nobildonna veronese Ginevra Serego Alighieri, discendente diretta di Dante, sposa-bambina del conte Girolamo Pompei che la fece murare viva nel castello di Illasi con la complicità del doge Pasquale Cicogna, lo stesso che consegnò Giordano Bruno all'Inquisizione romana: Ginevra si era 'liberata' dalle costrizioni di un matrimonio deciso dalla famiglia innamorandosi della sua guardia del corpo, e perciò il marito l'aveva accusata di omicidio d'onore. La vicenda, narrata per la prima volta dalla storica Lara Pavanetto e dall'attrice Raffaella Benetti partendo dagli atti del processo contro la nobildonna conservati all'Archivio di Stato, viene rivisitata da Tagliaferro che sceglie di dare spazio alla voce di Ginevra che vuole raccontare la sua verità, reclamando la legittimità del suo amore perché sincero. “Un amore tenace, che sa andare oltre le convenzioni del tempo trovando una soluzione felice in chiave multiversal. Venezia, come amava ripetere il compositore Luigi Nono, è la città dei multiversi possibili”.

Antonella Barina, "Venus Venezia - Repertorio Poetico Teatrale in Amore"– Le liriche che saranno recitate nel corso del reading sono tratte da quest’opera dedicata all’amore nei suoi multiformi aspetti, un repertorio che consente di dar vita a combinazioni sempre diverse. “Venus Venezia” raccoglie infatti in un corposo libro appena uscito 228 composizioni dell’autrice in tema d’amore, suddivise in 14 sezioni poetiche stilisticamente unitarie al loro interno e stilisticamente differenti tra loro, accomunate da metafore d’acqua ispirate a Venezia, con un’appendice di altre sei sezioni in rima per la musica. Assolutamente nuovo il contenitore per la poesia: il sottotitolo “Repertorio Poetico Teatrale in Amore” si spiega perché le composizioni sono utilizzate in combinazioni sempre diverse per reading, drammaturgie teatrali e concerti, quindi si tratta di un Repertorio a tutti gli effetti, adattabile e versatile. Il tema dell’amore era già annunciato in “Albertine”, romanzo breve della stessa autrice cominciato quarant’anni fa e dato alle stampe dieci anni fa: “nel nome di Venezia sento un legame col latino Venus, la suggestiva radice di quel nome deve ancora restituire un programma amoroso che è stato taciuto”.